L’annuncio per l’uscita di Indiana Jones 5 (coff coff) mi ha portato alla mente un particolare dei bei vecchi tempi, precisamente, quando “I predatori dell’Arca Perduta” era ancora in fase di pre produzione.

Vi stupirà saperlo ma, Harrison Ford non fù la prima scelta per il ruolo di Indiana (il nome del suo cane, come “Lucas Arts” insegna) Altri attori parteciparono ai provini, come Tim Metheson e Peter Coyote

 

Ma solo uno risultò perfetto per il ruolo di Indiana secondo Spielberg e Lucas Incredibile, eppure vero, solo un attore sarebbe potuto essere indiana Jones, e volevano a tutti i costi solo lui…

 

L’idolo delle donne degli anni 80 Tom Selleck! Quale giorno migliore per pubblicare un articolo su Tom Sellec se non l’8 Marzo? Vi immaginate che carriera avrebbe potuto avere? (In un universo parallelo è successo! Tom Sellec è diventato un presidente/dittatore degli USA, che ha imposto, a tutti i cittadini statunitensi, di indossare camice Awaiane, e baffi alla Magnum, pure le donne!)

Purtroppo per il nostro caro Tom Sellec, una sua firma precedente con la CBS lo tenne vincolato, al ruolo del famoso detective privato Magnum. Per quanto chiedesse di poter essere libero dal contratto, la CBS non ne volle sapere. Ottimo affare per la compagnia, meno per l’attore…

Dichiarò più volte di essere dispiaciuto, e che gli sarebbe piaciuto parecchio vestire i panni dell’allora sconociuto Dr.Jones, ancora più con il senno del poi. Lo ammise in parecchie interviste del tempo e ancora oggi da David Latterman.

.Qui potete vedere uno dei provini

.

Adoro Harrison Ford ma non vi nego che sarei sempre stato curioso, di vedere come sarebbe potuto saltar fuori un film di Indiana Jones interpretato da Tommy “baffo” Selleck.


Bhe…..magari senza baffi però.

 

 

 

 
SECONDO ANEDDOTO:

Durante la preproduzione, quando ancora non erano iniziati i provini, quando, ne Harrison Ford ne Tom Selleck erano ancora stati immaginati per il ruolo. Lucas commissionò alcuni concept al noto “Jim Steranko” (nome molto conosciuto nell’ambito fumettistico per il suo apporto a Nick Fury Agent SHIELD, non chè, artista per il cinema) Qualcosa di sconvolgente dalla versione finale…

Secondo il diretto interessato fu prorio Jim Steranko a fare vestire la giacca di pelle da aviatore e il cappello fedora al Dr.Jones, la giacca era simile a quella che Lucas amava indossare, purtroppo Steranko, non potè collaborare oltre al film essendo al tempo oberato di lavoro (nonostante l’insistenza di Lucas e Sbielbergh). Con il senno del poi…Ma almeno ci lascio queste illustrazioni che per quanto assurde custruivano già bene gli aspetti principali di “Indiana Jones”, in alcune scene famose già scritte allora per “i predatori dell’arca perduta” come, la scazzottata sotto l’aereo in movimento. Oppure l’assalto al camion.

 
TERZO ANEDDOTO:

Lo sapevate che “Indiana Jones” fu un fumetto anni 40? :O non è vero ma…”Rafael DeSoto” disegnò alcune strepitose copertine per una famosa rivista nata nel lontano 1910, il Magazine Pulp “Adventure” e fatevelaaaa na culturaaa!

Porto alla vostra attenzione due numeri:
Settembre del 1947, guardate questa copertina….non vi ricordano nulla? Daiiiii, un avventuriero in mezzo alla Giungla, con in mano un idolo? Il tutto condito da un serpente minaccioso?

Giugno del 1949. Lo stesso avventuriero nella giungla…inseguito dai nativi che….gli sparano frecce avvelenate???

Vi devo fare vedere l’altra copertina con l’avventuriero inseguito da una sfera di pietra, per farvi capire che la somiglianza con Indiana è altissima? purtroppo questa copertina non esiste, l’ho appena inventata però ci stavate quasi cascando eh?

Vero…può ricordare molte centinaia di avventurieri di una volta come “Doc Savage” e altri, ma queste copertine di “Desoto” ricordano mooooolto, anzi troppo in specifico alcune scene di “Indiana Jones – e i Predatori dell’Arca Perduta“.

A parer mio qualcuno da ragazzino (Lucas/Spielbergh) deve aver passato parecchie ore notturne sotto le coperte con la torcia in mano, a leggere riviste pulp…Ovvio che l’ispirazione l’abbiano presa da quelle illustrazioni, sono quasi sicuro che li abbiano letti, o che documentandosi per avere ispirazione per il film siano incappati nelle meravigliose illustrazioni di “De soto” una come questa, magari li ha ispirati per la scena dell’areoporto. Credete davvero che registi etc non si documentino prima di fare un film?

 

Bad Preacher

Bad Preacher

Bad Preacher... Mal digerito e poi sputato dal buco più losco dell’inferno, durante il sacrificio satanico, incestuoso e sodomita, avvenuto sulle...CONTINUA...